San Gimignano on Stage

  • Post category:Italia

Avete presente la sensazione che si ha entrando in un borgo toscano? No? Beh nemmeno io…almeno non prima di aver visitato San Gimignano.

Questo splendido borgo dall’aspetto duecentesco e patrimonio dell’UNESCO assomiglia all’idea che ognuno di noi ha della Toscana. I colori, i profumi, la lingua e la cultura qui si fondono per dar vita a qualcosa di davvero unico ed inimitabile.

Manca solo una cosa affinché io possa avere la certezza di essere in Toscana o meglio manca qualcuno, il buon Dante. Sarà che la fortuna è dalla mia parte quando viaggio ma Dante è davvero presente, incastonato tra gli ulivi. Provato da una delle mie foto, cerca di intrattenere il publico passante in cerca di denari (ah bishero!).

Entrando dalle varie porte nelle mura, è impossibile resistere al fascino dei vicoli e dei locali pieni zeppi dei più golosi prodotti tipici toscani: salami e vino la fanno da padrone ma il ben di dio che si trova è inimmaginabile. Pian piano ci si avvicina e si finisce col mangiare e portare a casa un mucchio di cose.

San Gimignano non è solo bellezza, è anche spensieratezza e relax. Situato su una collina, è possibile scrutarlo da ogni angolazione: dal basso, dall’alto e ancora dal basso ma dall’altro lato!

Passeggiando sembra di essere continuamente su un set di uno di quei film di Pieraccioni e Ceccherini, dove tutti vanno a destra e sinistra e hanno quel gradevolissimo accento che contraddistingue questa terra e che contribuisce a renderla una delle più belle ed accattivanti al mondo. Ogni particolare è curato e tenuto come un tesoro, tanto che gli abitanti ne sono gelosi ed al tempo stesso mostrano il borgo con fierezza.

Girando per i vicoli e accompagnato dagli uccelli in volo attraverso palazzi color sabbia, palazzi sospesi in aria cercando di restare in equilibrio. Certo il buon vino non è di aiuto ma inebriante è già l’aria che si respira. I passanti si guardano negli occhi facendo trapelare soddisfazione e felicità. Nulla sembra poter scalfire la pace di questo luogo duecentesco. E intanto Dante alla porta del borgo spia i passanti. Lasciate ogni speranza voi che entrate recita…

Come arrivare: in auto prendere l’autostrada A1 Milano-Roma ed uscire a Firenze Impruneta. Seguire le indicazioni per Siena ed uscire a Poggibonsi Nord. Da lì le indicazioni per San Gimignano sono chiare. In treno arrivare a Poggibonsi e proseguire in bus sino a San Gimignano.

Cosa vedere: semplice, a San Gimignano la bellezza è il paese stesso. Si gira per i vicoli in cerca di buon vino e in ogni angolo si rimane stupiti. Torri, palazzi e musei sono inclusi in questo splendido borgo.

2+

Jonathan

Jonathan, appassionato di viaggi e di tutto ciò che esiste di tecnologico!

Questo articolo ha 0 commenti.

  1. popof1955

    Ci son passato 38 anni anni fa (conto di tornarci) e devo dire che il centro è anche migliorato: non ci sono auto circolanti e nemmeno in sosta 🙂

    0
    1. Jonathan

      È verissimo, si ha una tranquillità superba!

      0

Lascia un commento